E’ MORTO MIKE BONGIORNO

MIKE BONGIORNO.jpegE’ MORTO MIKE BONGIORNO

IL PIU’ GRANDE PRESENTATORE DELLA TELEVISIONE ITALIANO. IL RE DEL QUIZ ITALO-AMERICANO SI E’ SPENTO A MONTECARLO DURANTE UNA VACANZA A CAUSA DI UN INFARTO ALL’ETA’ DI 85 ANNI.

CIAO MIKE, RE DELLA TELEVISIONE

Di Carmelo Calanni

Amici telespettatori allegria, allegria…le sue trasmissioni iniziavano sempre cosi, è stato il più grande presentatore della televisione italiana, era Mike Bongiorno.

LA GIOVENTU’ E LA GUERRA

Michael Nicholas Salvatore Bongiorno è nato a New York il 26 maggio del 1924 ed è morto a causa di un infarto martedì 8 settembre 2009 a Montecarlo. Il Re del quiz, cosi era soprannominato, è stato il primo a condurre un programma nella televisione Italiana, cioè ”Arrivi e partenze” del 1954 sulla neonata Rete 1 della Rai. Madre torinese e padre di origini siciliani (il nonno era emigrato negli USA da Mezzojuso in provincia di Palermo) Mike torno giovanissimo dalla grande mela e si stabilì a Torino dove frequentò il liceo classico. Durante la seconda guerra mondiale dovette abbandonare gli studi e divenne interprete nelle comunicazioni tra alleati e gruppi partigiani. Fu catturato e in punto di essere fucilato (si salvò perché gli agenti tedeschi gli trovarono i documenti americani), successivamente passò 7 mesi in carcere e poi condotto nei campi di concentramento a Bolzano e a Mauthausen in Austria. Fu liberato nell’ambito di uno scambio tra prigioneri statunitensi e tedeschi.
MIKE ERA LA ”TELEVISIONE”
Mike Bongiorno è stato la storia della televisione anzi era la ”televisione”. Ha condotto quiz che hanno fatto epoca come ”Lascia o raddoppia?”, ”Rischiatutto” o ancora ”Scommettiamo?” tutti in Rai. Nei primi anni 80 passa a Mediaset dove condurrà altri quiz di grande successo:”Bis”, “Superflash”,”Penthatlon”, ”Telemike”, ”Tutti per uno”, ”La ruota della fortuna”. Ma Mike ha lavorato anche in radio, ha recitato in vari film (tutti ricorderanno ”Totò lascia o radoppia” con il mitico principe De Curtis), ha condotto tantissime altre trasmissioni (da Campanile Sera a bravo bravissimo per finire con l’edizione del 2007 di miss Italia),ma anche parecchie edizioni del telegatto, ma soprattutto ha presentato ben undici edizioni del Festival di Sanremo (dal 1963 al 1997). Insieme a Corrado Mantoni, Pippo Baudo e Raimondo Vianello è stata una delle facce più note della televisione Italiana. Agli inizi degli anni sessanta Umberto Eco gli dedica il celeberrimo saggio “ Fenomenologia di Mike Buongiorno”, nella quale lo scrittore affermava che le radici profonde del successo di Mike Buongiorno stanno tutte nella sua “mediocrità assoluta” grazie alla quale «lo spettatore vede glorificato e insignito ufficialmente di autorità nazionale il ritratto dei propri limiti». Mike soffrì molto in quell’occasione e c’è chi giura che arrivò persino a disperarsi e a pingere.
MIKE RE DEI GAFFEUR
Mike Bongiorno sarà anche ricordato da tutti noi (con un briciolo di tenerezza) come il conduttore che ha fatto più gaffe in Tv. La gaffe più famosa avvenne nella puntata di ”Rischiatutto” del 16 luglio 1970 quando ad un errore su una domanda di carattere ornitologico della campionessa Giuliana Longari, Mike esclamo: <<Ahi! ahi! ahi! Signora Longari…mi è caduta sull’uccello>>. Un altra volta pronunciò Papa Pio X (ics) al posto di Papa Pio decimo. Durante un quiz parlando della gazza disse:<<meno male che non esiste il maschile di gazza se no potevano sorgere grossi problemi>> oppure ancora esclamo rivolgendosi ad un concorrente:<<ma cosa le pende in mezzo alle gambe!>>. Mike commise gaffe soprattutto riferiti ai doppi sensi e ai cognomi dei concorrenti.
LA “SFURIATA” CON LA LIVOLI E… CON SGARBI A “TELEMIKE”
Durante la puntata di ”Telemike” del 3 maggio 1990 scoprì la concorrente Maura Livoli che da dentro la cabina consultava un foglietto con degli appunti, clamorosa fu la sfuriata nei confronti della giovane a cui disse più volte che doveva vergognarsi per quello che aveva fatto durante la lettura di una domanda tra l’altro da 120 milioni di lire. La Livoli fu squalificata e per la vergogna, reagì tentando di aggrapparsi ad un altro concorrente, per poi accasciarsi terra; ma Mike non si scompose, anzi disse senza mezzi termini che la concorrente stava facendo una sceneggiata. In un’altra puntata di Telemike l’allora opinionista Vittorio Sgarbi durante un suo discorso sostenne che non bisognava dispiacersi per le case che rischiavano di essere travolte dalla lava dell’Etna(in quei giorni in eruzione), in quanto erano disabitate e simbolo della speculazione edilizia. Mike reagì duramente interpretandola come un un attacco verso gli abitanti della zona, che rischiavano invece di rimanere senza casa e, dal malinteso, si arrivò ad una accesa discussione fatta di insulti, da parte di entrambi che andò in onda seppure in versione ridotta e censurata (all’epoca Telemike non andava in onda in diretta).
I SUOI MATRIMONI
Mike Bongiorno ha avuto tre mogli: Rosalia Maresca, cantante lirica italo-americana sposta nel 1948, il matrimonio è stato annullato nel 1952 perché lei non voleva figli. Annarita Torsello, giornalista, sposata nel 1968. La separazione è avvenuta, burrascosamente, nel 1970. Daniela Zuccoli, ex stilista, che all’epoca aveva 22 anni (Mike ne aveva 38) sposata a Londra il 23 marzo 1972. Da questo matrimonio sono nati i tre figli: Michele Pietro Filippo, Nicolò e Leonardo.
I SUOI HOBBY E LE SUE PASSIONI
Mike Bongiorno aveva una grande passione oltre la tv, il calcio, la Juve. Tifoso bianconero sfegatato aveva sin da giovane amato i colori bianconeri e ammirato campioni del calibro di Boniperti, Charles, Sivori, Bettega, Platini, Baggio fino a Del Piero. Grande amico della famiglia Agnelli, ha sempre frequentato lo stadio Comunale prima e lo stadio Delle Alpi dopo, e anche ultimamente quando poteva si recava allo stadio Olimpico di Torino ad incitare i suoi beniamini. Ha molto sofferto nell’estate del 2006 ai tempi di calciopoli quando la sua Juve fu retrocessa dalla giustizia sportiva in Serie B. Un altro hobby di Mike era la montagna(aveva fatto anche una spedizione al polo nord) e lo sci in particolare ed anche a questa età non disdegnava di andare a sciare sulle alpi che erano come la sua seconda casa.
AMICI, IMITATORI, VALLETTE ED EREDI.
Chiunque ha orbitato nell’ambito della televisione in questi 50 anni
è amico di Mike. Corrado, Sandra e Raimondo Vianello, Lelio Luttazzi, Pippo Baudo, Walter Chiari, Maurizio Costanzo, Raffaella Carrà, Silvio Berlusconi, Gerry Scotti, Fiorello tutti per un modo o per un altro hanno voluto bene al Re del quiz. Tre sono stati i suoi imitatori principali: Alighiero Noschese, il quale trasformò il saluto «Allegria!» in uno iettatorio «Allergia!», Gigi Sabani e in tempi più recenti Fiorello. Le vallette che hanno lavorato con Mike sono state moltissime e più che vallette sono state delle vere e proprie “spalle” a cui il presentatore si divertiva a fare battute o ad appoggiarsi dopo aver commesso le sue solite gaffe. Tra queste ricordiamo Edy Campagnoli, Sabina Ciuffini, Fabrizia Carminati, Fiorella Pierobon, Susanna Messaggio, Ylenia Carrisi, Paola Barale, Roberta Capua, Antonella Elia, Claudia Grego, Ana Laura Ribas, Miriana Trevisan, Nancy Pomelli. L’erede designato del Re del Quiz è sicuramente Gerry Scotti almeno nell’ambito dei telequiz. Ma non ce ne voglia Gerry, ma farci dimenticare Mike sarà impossibile.

GLI ULTIMI ANNI
Il 7 febbraio 2003 ha ottenuto finalmente dopo 50 anni la cittadinanza italiana, a lui concedibile per aver sposato una cittadina italiana e per essere stato residente per più di dieci anni sul territorio italiano. Avendo ovviamente la doppia cittadinanza ha affermato di aver votato alle ultime presidenziali USA per Barack Obama. Nelle ultime stagioni televisive ha condotto su Retequattro: “Genius”, programma tv dedicato ai ragazzi, e “Il migliore”. È stato testimonial della campagna pubblicitaria della Wind- Infostrada insieme a Fiorello. E’ stato insignito della laurea specialistica honoris causa in televisione, cinema e produzione multimediale presso la IULM di Milano nell’agosto 2007. Nel marzo di quest’anno aveva rotto con “Mediaset” dopo 30 anni di collaborazione ed era passato a Sky firmando un contratto grazie al quale avrebbe condotto su SKY Uno 12 puntate del famoso quiz Rischiatutto, ribattezzato per l’occasione RiSKYtutto. Non c’è l’ha fatto il caro vecchio Mike a condurre questa ennesima trasmissione,ma siamo sicuri che sarebbe stato un successo; senza il suo “allegria…allegria” da oggi la vita sarà un po’ più triste.

E’ MORTO MIKE BONGIORNOultima modifica: 2009-09-08T18:38:23+00:00da nuvoletta7682
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento