ROMICS 2009, UNA FANTASTICA AVVENTURA

ROMICS 2009.jpeg

da Roma, Laura Cosentino e Carmelo Calanni

Romics 2009 un vero successo.

Si è svolta dall’8 al 11 ottobre 2009 presso la nuova fiera di Roma, la 9’edizione di Romics, Festival del fumetto, dell’animazione e dei giochi; noi c’eravamo e ci siamo divertiti. Abbiamo fatto conoscere i nostri scettri magici e abbiamo conosciuto tanti di voi. Quattro giorni entusiasmanti, un’esperienza davvero unica.

Un’invasione di cosplay.

Che Romics non sia ormai solo un festival del fumetto ce ne siamo accorti di persona. Romics è molto di più. E’ incontrarsi, stare insieme, divertirsi. Romics è anche raduno di cosplay. I costumi più disparati, più strani, hanno invaso in questi giorni il padiglione 11 della fiera di Roma: da Lady Oscar a Naruto, da Magica Emi ai personaggi del Signore degli anelli, da l’uomo ragno a Batman e poi ancora Simpson, Sampei, Catwoman, Sailor Moon, mostri alti 2 metri, robot, uomo tigre e chi più ne ha più ne metta. I cosplayer hanno sfilato tra l’altro anche per le vie della capitale (da Piazza del Popolo a Piazza di Spagna) la sera di venerdi 9.

Fumettopoli

Ma Romics è anche una vera e propria Fumettopoli, con fumetterie giunte da tutta Italia che vendevono fumetti recenti e passati per tutti i prezzi e tutti i gusti. Ma anche gashapon, magliette, oggettistica, portachiavi, figure originali, poster e tutto ciò che si può immaginare delle anime giapponesi.

Altri eventi di Romics…

Romics 2009 è stata anche la sede dove i maggiori professionisti del fumetto e dell’ animazione hanno avuto modo di incontrarsi, dialogare con il pubblico sulle ultime novità del mercato. Il padiglione 12 della fiera di Roma ha ospitato incontri, dibattiti, proiezioni. Tra i più importanti personaggi intervenuti ricordiamo Gallieno Ferri disegnatore di Zagor e Massimo Mattioli uno dei maggiori fumettisti italiani, entrambi vincitori del Romics d’oro 2009.

A Romics si sono celebrati anche i 35 anni di Hello Kitty e e le finali nazionali dei World Cyber Games, le cosiddette “Olimpiadi dei videogiochi” che proclameranno i campioni italiani che formeranno la squadra azzurra che difenderà i nostri colori nel corso delle finali mondiali in Cina. I giochi oggetto delle sfide sono state Starcraft Broodwar, Asphalt 4, TrackMania Nations Forever, Guitar Hero World Tour, Fifa 09 e Wisestar 2.

Il nostro stand

Anche il nostro piccolo stand ”Majokkocreazioni” ha avuto un grande successo. Le nostre bacchette, i nostri medagloni e ciondoli delle maghette più importanti hanno lasciato a bocca aperta tutti gli appassionati. Praticamente a ruba sono andate gli scettri di Creamy mami, con al primo posto come vendite la prima bacchetta, seguita a ruota dalla bacchetta a stella e dal medaglione. Grande successo anche per gli oggetti di Magica Emi (specchio, bacchetta e braccialetto) e per la bacchetta di Evelyn (andata esaurita). Tra gli altri oggetti non delle maghette il primo posto come gradimento e come vendite spetta al cucchiaino della signora Minù, seguito dalle riproduzioni in legno di Hello Spank. La cosa più bella al di la dell’aspetto commerciale è stato però vedere gli occhi illuminati delle fans (e dei fans) delle maghette non appena si avvicinavano allo stand e vedevano gli oggetti magici che avevano sognato da piccoli. E’ questa la cosa che ci

porteremo dentro.

Amici

Molti che conoscevamo solo via internet ci sono venuti a trovare, tra questi meritano una citazione particolare Alessio arrivato il primo giorno direttamente da Trieste e Monica, arrivata con il proprio ragazzo Stefano da Ponsacco (Pi), che oltre ad essere una cosplayer è una delle ragazze più appassionate di Shojo e cartoni animati in Italia, visitate il suo sito www.onlyshojo.com per credere. Sia Alessio che Monica possiedono ormai la nostra intera collezione di creazioni in legno sulle majokko. Altra citazione spetta a Giuseppe di Roma, praticamente un mago nella realizzazione dei custom, anche qui basta dare un’occhiata per rendersene conto www.majokkoshop.it .Il posto di new entry tra le collezioniste delle nostre creazioni spetta sicuramente a Martina che ha acquistato praticamente un oggetto magico al giorno. Martina appassionata di maghette era presente a Romics con il ragazzo Luca titolare di Karmakomics negozio di fumetti, gadget, oggettistica tra i più forniti della capitale.

Altra citazione particolare spetta anche a Roberta di Roma che quasi “litigava” con il marito per acquistare le nostre creazioni.

Un grazie di cuore va anche a Chiara di daftbunziblogger che insieme alla

sorella gemella ci sono venuti a trovare bombardandoci di foto e dedicandoci addirittura un articolo sul loro blog.

Vicini di stand

I nostri vicini di stand sono stati a dir poco squisiti e anche loro hanno contribuito a rendere più piacevole le tante ore passate a Romics. Tra tutti vanno citati Tania e Francesco di Creazioni di Luna negozio di Roma di fate di ogni genere, elfi, folletti, pixie, troll, gnomi, draghi e tante altre simpatiche fantastiche creature… Salvatore ed Ennio napoletani che con il loro stand “Specchio della memoria” proponevano quadretti in legno con immagini, per la nuova e vecchia generazione… Di fronte a noi Francesca, Perla e Nadia, anche loro acquirenti delle nostre creazioni, ci proponevano lo stand di “Gente di cartoonia”, il talk show sui cartoni animati più bello d’italia…

Nel corridoio vicino al nostro si trovava anche la simpaticissima Alessia grande appassionata di anime giapponesi che con lo stand “Alenefos” proponeva le sue creazioni realizzate in cernit/fimo, ma anche Bijoux, custom e accessori vari.

Ciao Romics

Alla fine stanchi ma felici lasciamo Romics e lunedi mattina salutiamo la splendida Roma, e dopo ben 14 ore di viaggio fatte di peripezie, binari occupati, rallentamenti del treno dovuti all’alluvione del messinese alle 21:20 in punto mettiamo piede nella nostra Catania, ma un pezzo di cuore è rimasto li in quel piccolo stand della fiera di Roma.

ROMICS 2009, UNA FANTASTICA AVVENTURAultima modifica: 2009-10-14T08:31:00+00:00da nuvoletta7682
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento