Cine-panettone(3): Aldo, Giovanni e Giacomo per questo Natale si fanno…in 3!!!

 
Locandina Il cosmo sul comò

PER L’APPUNTAMENTO CON IL CINE-PATTONE 2008 TORNANO ANCHE ALDO, GIOVANNI E GIACOMO. INSIEME A LORO IN QUESTO FILM DIVISO IN 3 EPISODI TROVEREMO TRA L’ALTRO VICTORIA CABELLO, ANGELA FINOCCHIARO, ISABELLA RAGONESE, SERGIO BUSTRIC, RAUL CREMONA. PRODOTTO E DISTIBUITO DA MEDUSA, VI SCOMPIGLIERETE DALLE RISATE IN QUESTO FILM (3 FILM) IN CUI CI SARA’ TUTTO IL MEGLIO DEL REPERRTORIO DEL TRIO COMICO PIU’ FAMOSO D’ITALIA. 

 

LA SCHEDA DEL FILM

Produzione: Medusa Film
Distribuzione: Medusa Film
Paese: Italia 2008
Uscita Cinema: 19/12/2008
Genere: Commedia
Formato: Colore
LA TRAMA DEL FILM
Il film è diviso in tre episodi: Si comincia con OSA, che non è solamente la terza persona del verbo osare, ma l’acronimo di “Oratorio Sant’Andrea”, luogo frequentato da Aldo, Giovanni e Giacomo durante l’infanzia. Protagonista è Aldo, nei panni di uno sballato di periferia perdutamente innamorato di Isabella Ragonese. Il suo struggimento è raccontato con accenti ora da commedia ora da thriller. Quadri, di cui abbiamo ammirato le gotiche scenografie durante la nostra visita a Brugherio, è l’episodio più complicato, perché comporta una serie di effetti speciali e un lungo lavoro di postproduzione. Narra le peripezie di un bambino vestito da Harry Potter che conversa con tableaux vivants impersonati dal trio e da Victoria Cabello. Segue Fecondazione, in cui una coppia che non riesce ad avere figli decide di ricorrere alla fecondazione artificiale. Il futuro padre è interpretato da Giacomo e, nel ruolo di una psicologa, c’è Angela Finocchiaro. Chiude il ciclo Milano Beach, cronaca delle assurde vacanze di tre coppie meneghine. Fonte di ispirazione primaria per quest’ultimo episodio sono le commedie all’italiana degli anni ’60, su tutte Il sorpasso di Dino Risi.
(fonte comingsoon.it)
Cine-panettone(3): Aldo, Giovanni e Giacomo per questo Natale si fanno…in 3!!!ultima modifica: 2008-12-18T10:22:00+01:00da nuvoletta7682
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento